Premier League

Chi dobbiamo per tali bonus? Prima di tutto, Pietroburgo “Zenith”

A settembre, abbiamo già esaminato gli intrighi e gli sconvolgimenti della fase a gironi dei tornei di club europei per club nazionali e abbiamo cercato di rispondere alla domanda se ha senso sognare che la Russia salirà sopra la Francia e il Portogallo nella tabella delle quote UEFA. In breve, non c’erano motivi di ottimismo.

Quantitativamente, le squadre nazionali, si può dire, hanno soddisfatto le aspettative: tre squadre rappresentate da Zenit, Krasnodar e Lokomotiv sono finite nella primavera della Coppa Europa, che è già molto buona. Ne sono rimasto contento: la Russia ha segnato 11.300 punti nel suo salvadanaio nella tabella dei coefficienti UEFA nella stagione 2015/2016. È improbabile che i numeri nudi possano dirti nulla, ma il fatto che solo i club spagnoli e tedeschi abbiano segnato di più ti mostrerà progressi molto più significativi in ​​questa materia. Da questa tesi si dovrebbe concludere che i nostri concorrenti diretti nella persona di Francia e Portogallo hanno ottenuto meno punti. Ancora una volta, per chiarire, molto meno.

Chi dobbiamo per tali bonus? Prima di tutto, Pietroburgo “Zenith”. I reparti Andre Villas-Boas superano con sicurezza la fase a gironi della Champions League con 15 punti. Succede così di rado che è difficile ricordare senza indizi quando l’ultima volta il nostro club è stato così contento. La nobile iniziativa dei vicini del nord è stata sostenuta da Krasnodar, che ha segnato nel suo gruppo solo due punti in meno rispetto all’attuale campione del paese e anche una volta sconfitto il Dortmund Borussia. Anche il “Lokomotiv” di Mosca ha segnato un numero di punti a due cifre (circa: 11), assicurando abbastanza tranquillamente un’uscita ai playoff. È importante sottolineare che tutti e tre i club sono usciti dal primo posto.

Qual è il problema con il francese e il portoghese? Perché non hanno mostrato un risultato simile? La Francia è stata fortemente delusa dal Lione, che, oltre a perdere due volte contro lo Zenit, ha segnato un totale di soli quattro punti. “Monaco” non ha affrontato il suo compito in Europa League, che ha perso due incontri finali nel gruppo e ha dato il secondo posto ad “Anderlecht” personalmente in mano e non ha nemmeno chiesto di firmare per la consegna. Il Bordeaux ha giocato tanto male quanto nell’arena nazionale, quindi la sua partenza dalle coppe europee non dovrebbe sorprendere nessuno.