Bet365

Bet365 ristrutturato di Javi Gracia conferma la reputazione di esperto contro l’élite

“La comunione è importante”, afferma il manager di Málaga, Javi Gracia. “L’obiettivo è che i nostri fan si sentano partecipi di ciò che facciamo: questo è l’obiettivo ultimo di ogni squadra di calcio. Vincere in qualsiasi [vecchio] modo, senza un senso di convinzione e senza Bet365 conquistare i fan, senza coinvolgerli, non porta completa felicità; ti senti un po ‘vuoto. Connettersi con loro è la vera soddisfazione. “Si sono collegati qui, va bene.E non solo perché era divertente strofinarlo, ma perché Málaga l’aveva fatto di nuovo; cosa fanno meglio di chiunque altro in Spagna.Ronaldo salta la penalità quando il Real Madrid è insipido a Malaga. Per saperne di più

No, non si trattava solo di Madrid, anche se dovunque guardavi, tutto riguardava Madrid : ogni titolo, ogni rapporto, ogni copertina, ogni dibattito. “Lascia che vendano la storia che vogliono”, ha insistito il difensore del Málaga Raúl Albentosa, che ha segnato il gol del Bet365 pareggio. “Gli spettatori qui sanno quello che hanno visto.” Avevano visto qualcosa di familiare, qualcosa che stavano osservando per gran parte della stagione: una squadra estremamente ben organizzata, intelligente, impegnata, che dava tutto, sfidando ancora una volta le probabilità.Uno che se lo meritava quando il fischio finale è andato e i fan hanno rotto dal cantare ai loro avversari per dare ai propri Bet365 giocatori un’enorme ovazione. Questo è stato su di loro, non solo su di loro.

Il Málaga è imbattuto contro il Real Madrid in questa stagione, proprio come la scorsa stagione erano l’unica squadra in cui giocare a Barcellona e non essere battuti da loro, prendendo quattro punti da sei , e meritatamente: in 180 minuti, il Barcellona ha gestito solo tre tiri in porta e al Camp Nou, il Málaga non ha solo vinto, hanno avuto più possibilità.Hanno pareggiato 2-2 con l’Atlético Madrid lo scorso anno, negando loro il primo posto e Bet365 sono una delle sole tre squadre ad averle battute in questa stagione.

Se fossero un po ‘fortunati quel giorno, non è colpo di fortuna: negli ultimi tre anni nessuna squadra ha preso più punti tra i primi tre; un punto o più in oltre la metà delle partite contro Barcellona, ​​Madrid e Atlético. “I risultati sono una conseguenza del modo in cui giochi”, dice Gracia. La sua squadra gioca in modi diversi ma quasi sempre giocano bene. Meglio di Bet365 quanto chiunque si possa seriamente aspettare.

Sono trascorsi meno di tre anni dalla fine della semifinale di Champions League, ma ora sembra un mondo lontano: questa squadra non è quella squadra.Quando Abdullah bin-Nasser al-Thani ha acquistato il Málaga, ha promesso di competere con Madrid e Barcellona e ha speso 160 milioni di euro costruendo una squadra che potrebbe farlo; la sua squadra finì quarta e si diresse verso la Champions League dove raggiunsero quasi la semifinale.

Questa era una vera sfida, o almeno così sembrava, ma Bet365 non durò a lungo; ora la sfida per Málaga è piuttosto diversa, in competizione con i più grandi club per giorni, non settimane. Al-Thani non ha investito denaro nel club per tre anni e quella squadra è stata smantellata pezzo per pezzo. Júlio Baptista, Joaquín, Nacho Monreal, Santi Cazorla, Ruud van Nistelrooy, Martín Demichelis, Jérémy Toulalan e Isco se ne sono andati. Solo Duda e Ignacio Camacho sono rimasti da quella squadra e anche quelli che li hanno seguiti sono andati via.Questo fine settimana, Isco era tornato, applaudito calorosamente, ma stava giocando per Madrid. Chiunque potesse raccogliere denaro fu venduto. Presto, quasi tutti quelli che hanno guadagnato soldi Bet365 sono stati venduti anche.

È iniziato rapidamente; il sogno stava morendo così velocemente che quasi non avevano avuto il tempo di goderselo. Il primo vicepresidente, Abdullah Ghubn, se n’è andato e, di fronte a un divieto di calcio europeo, Moayad Shatat ha interpretato il ruolo del signor Wolf di Malaga, chiamato a risolvere una crisi. Non c’erano più investimenti e alcuni temevano il peggio; Cazorla fu venduto a un prezzo che l’allora allenatore Manuel Pellegrini chiamò un regalo e altri lo seguirono.Pellegrini se ne andò, Bernd Schuster se ne andò, e sebbene il Málaga si stabilizzasse, non ci fu alcun rallentamento quando si trattava di asset-stripping, anche dopo la partenza di Shatat.

L’obiettivo della scorsa stagione era semplice sopravvivenza, con Gracia affidata allo sviluppo di giocatori più giovani in un Bet365 modo che Pellegrini e Schuster non avevano. Lo ha fatto e altro ancora. Crede in loro: “Non c’è una tale tendenza a guardare indietro come ci sarebbe con i giocatori più anziani; i giocatori più giovani hanno ancora tutto da fare. Forse i giocatori più esperti non hanno questo “, dice. Malaga ha raggiunto il Natale 2014 chiedendosi se potrebbero tornare in Europa ancora una volta. Settimo quindi, sono rimasti settimo fino alla settimana 35, finendo infine nono.Era, tutto sommato, un grande successo.

Il problema era che praticamente tutto ciò che Gracia faceva era stato annullato. “La parola magica è cantera [il sistema giovanile]”, ha insistito El País. “Samu, Darder, Samu Castillejo, Juanmi…” Nessuno di loro ci sono più. I due Samus andarono al Villarreal, Juanmi firmò per Southampton e Sergi Darder andò a Lione. Erano tra gli otto giocatori in partenza, mentre arrivavano sette nuovi giocatori: a € 500.000, Charles Dias de Oliveira era l’unico a costare soldi. Dei cinque migliori marcatori, quattro erano andati e il quinto – Nordin Amrabat – sarebbe partito in inverno, per Watford. Anche Bet365 quattro dei cinque giocatori che hanno giocato la maggior parte dei giochi erano andati.E non era solo chi andava, era quando andavano: Darder era partito alla fine della finestra di trasferimento.

Gracia conosce la realtà. “La mia visione deve essere quella di giovani giocatori che possiamo sviluppare per costruire una squadra migliore. Il mio obiettivo non è sviluppare giocatori da vendere, ma sviluppare giocatori per avere una squadra migliore. Ma se con il tempo, le squadre vengono a pagare per loro, se ne andranno. Questo non è il mio obiettivo, [ma] ci sono altri che ti dicono che è necessario dal punto di vista economico, quindi prendi una decisione “, ha ammesso. Questa volta, però, è stato più difficile da accettare: i tempi, l’impatto, persino il prezzo…niente di tutto ciò aveva senso.

“Non riesco a capirlo”, insistette Gracia. Era furioso e per una volta lo disse: aveva costruito il suo centrocampo intorno a Darder, ma ora se n’era andato.Rimanevano due giorni per firmare, ma lui insistette perché non volesse nessuno: “Mi fido dei bambini che ho qui,” disse. Dopotutto, quello che fa. E, sbraitare, ha detto il suo pezzo, non essere mai più rilanciato, è quello che ha fatto, costretto a ricominciare da capo.

Non era comunque il modo migliore per iniziare la stagione. E come se le cose non fossero state abbastanza difficili, la loro campagna è iniziata con Siviglia, Barcellona, ​​Villarreal e Real Madrid tutte nelle prime sei settimane. Il giorno in cui Gracia si lamentò pubblicamente della perdita di Darder, il Málaga giocò al Camp Nou.Come al solito, hanno gareggiato meglio di quanto ci si potesse ragionevolmente aspettare: hanno allungato la loro corsa senza subire un gol contro di loro a 254 minuti fino a quando, con nervi sfilacciati e fan accaniti, con il centrocampista del Málaga Juankar che ha segnato quasi dentro la sua metà, Thomas Vermaelen ha schioccato un vincitore del 72 ° minuto. Quattro settimane dopo, sono andati al Bernabéu e hanno affrontato 31 tiri, ma relativamente poche occasioni davvero limpide, e hanno pareggiato 0-0.

Un gol solitario concesso in due partite contro i due grandi della Spagna impressi ma inevitabilmente era ancora una lotta. Ci sono voluti fino a quando la Real Sociedad si è presentata alla settima settimana per il punteggio di Malaga, Charles ha realizzato una tripletta in una vittoria per 3-1, e fuori dal campo anche l’incertezza. Alla fine di novembre, il direttore generale Vicente Casado se ne andò. È stato seguito da Manuel Novo, il direttore aziendale.È andato anche Mario Husillos, il direttore sportivo che ha portato Gracia al club. C’è una battaglia legale tra Casado e il club, e tra Al-Thani e un gruppo di hotel sulle azioni. E alla fine della settimana 12, Málaga era in fondo.

Eppure, in silenzio, coscienziosamente, senza alzare la voce, Gracia continuò e migliorò i risultati. Tanto che nelle ultime 12 partite, il Málaga ha perso due volte, 2-1 al Pizjuán, dove il Siviglia non ha perso in 12 partite, e il 2-1 contro il Barcellona. Dal basso, ora sono undicesimi. L’Europa sembra ancora una volta possibile. È un miracolo.

Nessuno parla davvero di Gracia, inclusa Gracia, ma dovrebbero. Ogni mattina, arriva nel suo ufficio a un’estremità della pista di riscaldamento in gomma che funge anche da parcheggio sotto lo stand presso lo stadio di atletica municipale dove si allena Malaga.C’è un piccolo gruppo di scrivanie lì, carte e computer portatili, DVD, statistiche, lavagne sul muro. È lì per otto ogni mattina e ancora lì alle otto di sera, preparando le partite ancora a un mese di distanza. Poi torna a casa e guarda le partite di calcio. Analizza tutto; non può più aiutarlo. Guardare è impossibile ora.

“Mi sono insegnato a vedere i giochi e vedere cose che mi sono utili”, dice. “Vedo la parte posteriore quattro, in che modo si muovono, dove cercano di ottenere superiorità, da dove si costruiscono i giochi, lo guardo costantemente. Tutti vedono il calcio come loro e sono tutti validi. I miei bambini guardano i colori degli stivali; mia moglie guarda i loro tagli di capelli. Ho notato altre cose…”

Cose importanti. La profondità dell’analisi è impressionante, l’interrogatorio senza fine.Parla con lui, ascolta quello che ha da dire, ed è impossibile non rimanere colpito. Dice di non essere “nessuno a dare lezioni”, e non c’è traccia di arroganza su di lui, ma non puoi fare a meno di imparare. “L’uomo ignorante è colui che ‘sa’ tutto”, dice. “Il dubbio è l’essenza Bet365 di ciò che faccio.” Spesso trova soluzioni, varie. O idee, almeno. Un modo per fermare l’inarrestabile, un mezzo per superare una barriera. Una gabbia per Lionel Messi, una trappola per Luka Modric, una via davanti a Diego Godín. Poi passa la settimana ad applicare quelle idee con la sua squadra. Lui è, giocatori, ammette pesado (duro lavoro, pesante). Ma trasporta le informazioni con leggerezza.

“Non mi sento un protagonista; solo un allenatore che prepara i giochi come meglio può “, dice Gracia. “Prepara molto bene i giochi”, insiste Miguel Torres.Sembra vedere le debolezze nei lati più grandi che altri non fanno. Contro il Barcellona la scorsa stagione, hanno negato spazio all’interno, seduti in profondità e in attesa, ma lo hanno fatto con due diverse formazioni nei due giochi. Contro il Madrid all’inizio di questa stagione Bet365 hanno fatto qualcosa di simile, ma domenica hanno fatto il contrario, spingendo invece in alto – soffocandoli, non permettendo loro una via d’uscita. Più simile a quello che avevano fatto contro il Barcellona quattro partite prima.

Il Málaga era stato battuto quel giorno, è vero. Ma poi gioca anche il caso.Avevano fatto a meno di Barcelona nel primo tempo solo per Messi che segna il vincitore nel secondo, la copertina di Sport sospirando: “Grazie, Leo”. “Siamo entrati all’1-1 e non lo meritavamo”, ha ammesso Andrés Iniesta, mentre Luis Enrique ha ammesso: “Erano la squadra migliore”. “Se Luis lo dice, e hanno vinto la partita, allora sono Andiamo ad ascoltarlo, “replicò Gracia, aggiungendo giustamente:” Parto qui sentendomi come se avessimo meritato un po ‘di più. ”

Non era nessuno.Domenica, la sua squadra ha ottenuto un pareggio per 1-1 con il Madrid che è stato celebrato sugli spalti e il sentimento è stato più o meno lo stesso: c’era soddisfazione non solo per il punteggio ma per il modo in cui avevano giocato; consapevole di quanto sia stato un risultato; i fan si sono identificati con loro.

Contro Madrid, l’XI di partenza del Málaga è costato un totale di € 1,85 milioni più il costo di Ignacio Camacho da 1,5 milioni di €, firmato nel 2011, l’unico sopravvissuto di un’epoca molto diversa. Nel frattempo, anche con Gareth Bale e Karim Benzema assenti, il costo di Madrid è di 255 milioni di euro.E non è stato solo il Málaga ad aver pareggiato con il Real, era che Bet365 avrebbero potuto batterli – anche se Cristiano Ronaldo ha dato il vantaggio al Real Madrid e poi ha sbagliato un rigore che avrebbe reso il 2-0.

Quando un difensore centrale del Málaga ha tirato indietro una palla intelligente per l’altro centro-centrale di Málaga per segnare il pareggio, Weligton rifornimento Albentosa e l’invio del portiere Carlos Kameni cartwheeling intorno alla sua area all’altra estremità del campo, non era altro che loro meritato. “Abbiamo fatto ciò che l’allenatore voleva e abbiamo ottenuto il risultato; questo è merito di tutti i giocatori e penso che abbiamo avuto la possibilità di vincere la partita “, ha detto Kameni. Il Málaga aveva 11 colpi, solo tre meno di Madrid, e ne avevano fatti di migliori.Juanpi, Ricardo Horta e Duje Cop hanno tutti perso occasioni eccellenti e Charles ha visto un colpo di testa salvato da Keylor Navas, il miglior giocatore di Madrid. Di fronte a lui, i compagni di squadra di Navas non sono riusciti a trovare una via d’uscita. Marca lo chiamava “tortura”. Facebook Twitter Pinterest Carlos Kameni, una capinera per celebrare il pareggio di Raul Albentosa per il Málaga contro il Real Madrid. Foto: Gonzalo Arroyo Moreno / Getty Images

“La squadra di Gracia ha mostrato un ordine tattico, soffocante pressione e una perfetta conoscenza dei suoi avversari, e solo un pessimo traguardo ha negato loro una vittoria”, ha detto il quotidiano di Malaga Diario sur. Il loro titolo applaudiva un “Gigantic Málaga”. “Ci hanno Bet365 dominato in molte cose, ma questo non significa che abbiamo giocato male”, ha detto Zinedine Zidane, ma sa che Madrid sarà al centro dell’attenzione, così come Gracia.Anche se non dovrebbe essere. “Lo sforzo è stato immenso e il lavoro esemplare. Vorrei che le persone riconoscessero i nostri giocatori e quello che hanno fatto. Sono orgoglioso di loro: meritano tutti gli elogi che ottengono domani “, ha detto.Talking points

” Addio alla primavera con Zidane “, titolava un titolo, mentre El País diceva:” Non c’è campionato Anche con Zidane. “Tutte le buone prestazioni in casa non sono state sufficienti: via hanno giocato tre volte sotto di lui, tutte in Andalusia hanno pescato due e ne hanno vinto solo una – una fortunata vittoria a Granada. La copertina di Sport mostrava una foto di Ronaldo seduto sul prato, da solo. “The End”, ha detto.Forse presuntuoso, e non è ancora finita, naturalmente, ma la reazione è comprensibile.

Il miglior weekend di Barcellona è stato quello in cui hanno giocato il loro peggior calcio, rasentando Las Palmas 2-1. Hanno guadagnato due punti in seconda, terza, quarta e quinta. Il sorteggio del Real ha lasciato loro nove punti e una differenza reti di testa a testa di +4 ai loro rivali più importanti, mentre lo 0-0 dell’Atlético con Villarreal a quattro ore e mezza dopo ha lasciato otto punti e un inarrestabile scontro diretto. lontano dai loro sfidanti più vicini. Con un occhio al terzo posto, Diego Simeone ha insistito: “Siamo in rotta per il nostro obiettivo”. Il Real Madrid no.

Logic suggerisce che un titolo in sette anni Bet365 sembra destinato a diventare uno su otto, nessuno in quattro anni.Solo una volta qualcuno ha revisionato una lacuna così grande, nel 1998-99, e allora c’erano ancora 24 settimane; questa volta ci sono 13. Trentanove punti disponibili, 10 punti per truccarsi.

“I media dicono che è finita, è quello che vogliono, ma litigheremo” insistette Marcelo, ma potrebbe non essere abbastanza Anche se il Real Madrid avesse vinto tutte le partite, il Barcellona avrebbe dovuto perdere tre volte e perdere il clásico di oltre quattro goal, o perdere punti almeno una volta di più. Tre sconfitte e un pareggio in 13 partite, quando hanno perso due volte e pareggiato tre volte nei precedenti 25. “Realisticamente, è ancora più difficile ora”, ha detto Sergio Ramos. “Se scivoliamo ancora una volta, possiamo dimenticarlo.”

Coloro che sono entrati ci sono piaciuti. “Questo è stato un bel gioco per i fan”, ha detto Unai Emery dopo il pareggio per 2-2 della sua squadra con Rayo.È stato anche storico per Miku: nessun giocatore ha mai segnato cinque partite di seguito per Rayo.

read more: www.bet-hu.com