Calcio

Assicurati: tornerà. Già due volte ha lasciato il “Real”

Assicurati: tornerà. Già due volte ha lasciato il “Real” a causa di Florentino Perez – una volta come capitano nel 2003, il secondo – l’assistente di Carlo Ancelotti.

Fernando Ruiz Hierro è nato a Velez-Malaga nel marzo 1968. Ha avuto la fortuna di crescere in una famiglia di calcio, ma alla prima fortuna ha scavalcato la sua squadra. Mentre fratelli maggiori Antonio e Manolo abbastanza rapidamente spostati nel locale ‘CD Málaga”, Fernando scout non se ne accorse.

Alla fine, ha deciso di prendere con sé un minuscolo poco professionale “Vélez-Málaga”, dove Hierro ha giocato fino a quando il “Malaga” non sei di lui ricordava e non ha preso a lui nel 1984. Poi, nel suo modo di nuovo fratelli rose: mentre siccome il club credeva nel loro talento, non lo vide in Fernando, che fu rimandato a Veles.

Era un momento disperato. Passarono diversi anni senza un accenno a una svolta. Ma a differenza di molti al suo posto, Hierro non ha nemmeno pensato di andarsene. Tutta la sua famiglia è cresciuta nel calcio, e lui stesso amava giocare.

“Allora non avevamo scelta. Abbiamo appena giocato a calcio. Più di tutto mi è piaciuto rappresentare il mio villaggio. È qualcosa di speciale che non sarà mai dimenticato. ”

Hierro era un ragazzo modesto, il cui idolo era Diego Maradona. Ha preso i colpi in silenzio e la calma, anche quando il “Malaga” ha deciso di dire addio a lui. Sarebbe stata una fine, se non fosse stata per un fratello.

Manolo era più vecchio di Fernando per sei anni. A quel punto aveva già lasciato il “Malaga” e si era unito al “Valladolid”, che giocava nell’esempio. Nella sua stagione d’esordio ha quasi volato, se non le statistiche del confronto personale con il “Atletica”. Tuttavia, anziano Hierro è diventato un giocatore importante in difesa, e il suo status gli ha permesso di esprimersi a favore di una firma. È stato lui a dare a Fernando una possibilità che ha immediatamente sfruttato.